09 maggio 2019 | Comunicazione
Anche su Linkedin arrivano le Reaction
Il social dei professionisti verso i gattini glitterati?
by Daniela Natale
Redazione Metropolitan ADV

Non più un test, non più in fase beta: le Reaction su Linkedin sono realtà.

 

Il cambiamento era nell'aria già da qualche mese e sembra che la decisione del social dei professionisti sia stata presa a seguito di costanti segnalazioni da parte degli utenti.
Linkedin, infatti, non consentiva forme di espressione diverse dal like (presente sulla piattaforma come bottone "Consiglia") e l'interazione pubblica tra professionisti era limitata ai commenti e alla condivisione del contenuto pubblicato.

 

 

People come to LinkedIn every day to discover what’s happening in their professional communities and talk to one another about topics and ideas related to their work. These conversations cover a wide range, whether it’s discussing industry news, celebrating a company milestone, giving advice on someone’s job search journey, or sharing thoughts on important workplace topics like being a working parent.
One of the things we regularly hear from all of you is that you want more expressive ways than a “Like” to respond to the variety posts you see in your feed. At the same time, you’ve also told us that when you post on LinkedIn, you want more ways to feel heard and understand why someone liked what you said.
That’s why today we’re starting to roll out a set of Reactions on LinkedIn, giving you more ways to quickly and constructively communicate with one another.

[da Linkedin - Official Blog]

 

 

Con le Reaction sarà possibile esprimersi a livello più ampio, comunicando al mondo del social le proprie emozioni e reazioni, sintetizzate ora in 5 diverse icone:

 

- Consiglia: è il tasto di interazione per eccellenza di Linkedin e conserva la propria identità attraverso l'icona del pollice in su;

 

- Festeggia: consentirà di partecipare alla notizia di un evento, di un traguardo raggiunto e di ogni felice ricorrenza. L'icona scelta per festeggiare rappresenta due mani di colore verde unite in un applauso;

 

- Cuore: come per gli altri social, il sentimento per eccellenza permetterà di raccontare la propria vicinanza emotiva ai professionisti e alle aziende della rete. Il cuore, anche in questo casa, sarà l'icona che consentirà di trasmettere il proprio Love;

 

- Geniale: per dimostrare la propria sorpresa e comunicare l'ammirazione per una nuova trovata o, in generale, per una soluzione a un problema, sarà possibile far sapere che, in quella novità, c'è qualcosa di geniale. La lampadina accesa, da sempre simbolo di idea geniale appunto, è l'icona che si riferisce a questa reazione;

 

- Interessante: è la reazione più seriosa, che tenta di riportare Linkedin all'essenza della sua natura, ossia all'essere rete sociale tra professionisti. L'icona che consentirà di comunicare l'interesse verso un contenuto o una notizia è rappresentata da una faccina riflessiva.

 

Ecco dunque che anche Linkedin sceglie la strada dell'empatia come strategia per aumentare l'engagement tra gli utenti.
Non più solo fredde strette di mano (virtuali), ma ben altri quattro modi per trasmettere le proprie emozioni alla rete. Emozioni virtuali, si intende, che "scalderanno" l'immagine di un social ritenuto da sempre troppo formale ma che, fino a oggi, conservava una propria identità ben definita. 

 

Non resta che attendere il giorno (vicino?) in cui, anche su Linkedin, ci si potrà scambiare dei sonori buongiornissimi accompagnati da una buona dose di gattini glitterati.